Iscriviti alla nostra newsletter Le nostre ultime newsletter

Gli eurodeputati del PDE ci spiegano perché hanno scelto di lottare per l'Europa

Le lingue, le culture, le differenze regionali e le iniziative locali devono essere rispettate poiché sono la risorsa più potente dell'Europa.

Il Parlamento europeo estende il roaming gratuito in europa

roaming

Oggi il Parlamento europeo ha votato con 581 voti a favore, due contrari e cinque astensioni per rinnovare il programma "Roam like at Home". Il regolamento sul roaming è entrato in vigore il 15 giugno 2017 e ha imposto la fine dei costi supplementari di roaming al dettaglio nell'UE e sarebbe scaduto il 30 giugno 2022. Oltre ad estendere di dieci anni l'attuale regolamento sul roaming gratuito per gli utenti di telefonia mobile all'estero nell'UE, il regolamento rinnovato dal Parlamento europeo permette agli operatori nazionali di accedere alle reti di altri paesi a costi inferiori per offrire servizi ai loro clienti ed evitare la discriminazione. Proibisce anche riduzioni arbitrarie della qualità del servizio, migliora la trasparenza delle tariffe per i servizi speciali e garantisce che le reti mobili abbiano accesso al 112 in tutta l'UE.

Il nostro deputato Izaskun Bilbao Barandica, relatore ombra di Renew Europe nella commissione ITRE, è stato convinto da questo rinnovo: "Questo accordo per estendere il roaming gratuito per dieci anni permette a tutti di capire cosa significa andare avanti nel mercato unico digitale. Attraverso un processo di integrazione, stiamo consolidando un diritto che sentiamo anche nelle nostre tasche, dato che non ci saranno costi aggiuntivi per fare chiamate vocali o usare servizi dati quando si viaggia nell'UE.

In seguito all'approvazione odierna dell'estensione dell'attuale regolamento sul roaming, Izaskun Bilbao Barandica ha accolto questo risultato positivo. "Non c'è niente di meglio per spiegare al pubblico cosa significa andare avanti nel mercato unico digitale che un accordo come questo, che tutti capiscono. Mentre questo accordo consolida il diritto delle persone a non doversi più preoccupare del roaming all'interno dell'UE, promuove anche il progresso nello sviluppo di altri servizi che miglioreranno la vita delle persone. Infine, mostra che ci sono meccanismi per intervenire sui prezzi quando il mercato da solo non funziona bene. L'UE ha bisogno di dispiegare questa stessa capacità di regolamentazione in altri settori come l'energia, dove il mercato ha urgente bisogno di una maggiore integrazione.

L'accordo, una fonte di innovazione e speranza

Questo accordo è educativo perché è uno stimolo per l'innovazione e una fonte di speranza. Incoraggia l'innovazione e lo sviluppo di nuove infrastrutture e servizi. Inoltre, può servire da esempio per i mercati che hanno bisogno di maggiore integrazione. "La sovranità e la resilienza dell'Europa dipendono da questo.

Roaming per i rifugiati ucraini

Un'altra preoccupazione del deputato basco è il roaming senza costi aggiuntivi per i rifugiati ucraini. "Basta guardare la situazione in cui il costo extra per fare chiamate o usare servizi di roaming datimette a rischio i milioni di ucraini sfollati dall'invasione russa. Connettersi con le loro famiglie e i loro amici lì, che stanno difendendo i valori della nostra Unione contro la dittatura di Putin, è una necessità fondamentale. Ecco perché ho colto l'occasione per proporre di lavorare per risolvere il problema dei senzatetto per queste persone.