Iscriviti alla nostra newsletter Le nostre ultime newsletter

Gli eurodeputati del PDE ci spiegano perché hanno scelto di lottare per l'Europa

Le lingue, le culture, le differenze regionali e le iniziative locali devono essere rispettate poiché sono la risorsa più potente dell'Europa.

Il piano 'RePower EU' è uno strumento per garantire la neutralità climatica dell'UE e l'indipendenza energetica dalla Russia.

Grudler_2019.jpg

I Democratici europei accolgono con favore la nuova serie di proposte legislative RePowerEU annunciate oggi dalla Commissione europea, che mira a lanciare un'azione europea congiunta per un'energia più accessibile, sicura e sostenibile, essenziale sia per accelerare la transizione ecosostenibile che per garantire l'indipendenza energetica dell'UE da tutte le importazioni di energia dalla Russia.

Per guidare il percorso verso un'era di energia verde a prezzi accessibili, è necessario accelerare la diffusione delle energie rinnovabili. A questo proposito, i Democratici Europei accolgono l'iniziativa della Commissione volta ad accelerare le autorizzazioni per le energie rinnovabili e i miglioramenti dell'infrastruttura di rete. Allo stesso modo, i Democratici europei sostengono l'intensificazione degli sforzi per raggiungere gli obiettivi di efficienza energetica.

La transizione verde europea non deve lasciare indietro nessuno. Per raggiungere questo obiettivo, i Democratici europei sostengono pienamente un'implementazione ambiziosa del Fondo sociale per il clima, uno strumento chiave dell'UE per sostenere le famiglie vulnerabili, gli utenti dei trasporti e le microimprese a far fronte alle conseguenze dell'aumento dei costi energetici e dei prezzi dei carburanti, facendo così uscire i cittadini dalla situazione di povertà energetica.

Infine, per quanto riguarda l'approvvigionamento, i Democratici europei approvano la proposta della Commissione di aumentare lo stoccaggio di gas per il prossimo inverno e chiedono un piano decennale concreto che permetta all'Europa di raggiungere la piena sicurezza delle forniture energetiche, la loro diversificazione e indipendenza. Questo piano dovrebbe includere chiare tappe a breve e medio termine, con l'obiettivo di raggiungere la piena indipendenza da tutte le importazioni di energia russa entro il 2027.

L'eurodeputato francese Christophe Grudler (Mouvement Démocrate), Ombra di Renew Europe sulla Direttiva sulle Energie Rinnovabili, ha dichiarato: "Questa nuova serie di proposte è più che necessaria per rafforzare la nostra indipendenza dalle importazioni russe e il raggiungimento del nostro Green Deal UE. Dimostra che la transizione energetica dell'UE va di pari passo con la nostra sicurezza di approvvigionamento, con un obiettivo più ambizioso per le energie rinnovabili accompagnato da misure normative attese da tempo. Penso in particolare alle misure dedicate allo sviluppo di un mercato dell'idrogeno rinnovabile resiliente. Prepariamoci ora a rafforzare la nostra autonomia energetica".