Iscriviti alla nostra newsletter Le nostre ultime newsletter

Gli eurodeputati del PDE ci spiegano perché hanno scelto di lottare per l'Europa

Le lingue, le culture, le differenze regionali e le iniziative locali devono essere rispettate poiché sono la risorsa più potente dell'Europa.

Solo un'unione senza la dittatura del veto può svolgere pienamente il suo ruolo geopolitico

Sandro Gozi

Questa settimana, il nostro Segretario Generale ed Europarlamentare Sandro Gozi ha partecipato alla tavola rotonda Renew Europe's Eastern Partnership.

Sandro Gozi ha sottolineato che: "Quello che sta accadendo oggi in Europa, quello che sta accadendo con l'Ucraina, con la Moldavia, con la Georgia, è un cambiamento nella natura e nell'obiettivo della strategia di allargamento in quanto tale. In passato, l'allargamento era una conseguenza della democrazia dopo il fascismo in Spagna o in Portogallo, dopo il comunismo nei Paesi dell'Est e un processo a lungo termine che offriva un modello di transizione democratica e di mercato. Oggi l'allargamento è anche e per e prima di tutto. Un nuovo strumento geopolitico, uno strumento geopolitico che abbiamo deciso di utilizzare per resistere all'aggressione russa e per riorganizzare un architetto della sicurezza e della stabilità nel continente europeo in generale. La conseguenza di ciò è duplice. L'Europa deve diventare una vera potenza a partire da una vera capacità di difesa. E l'Europa deve anche riformarsi internamente. Perché solo un'Unione Europea più efficace e più democratica, solo un'Unione libera dalla dittatura del veto di un Paese contro tutti gli altri, sarà in grado di svolgere appieno questo ruolo geopolitico che è nel nostro interesse e nell'interesse dei nostri partner orientali".