Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Gli stati membri dell‘UE devono decidere tra l’ora legale o l’ora solare

European Parliament

Martedì gli eurodeputati hanno adottato la loro posizione definitiva in merito alla proposta della Commissione di porre fine ai cambi stagionali dell'or, i quali attualmente vengono effettuati in ogni stato membro a fine marzo e a fine ottobre. Hanno votato a favore di lasciare agli stati membri la possibilità di decidere se optare per l’ora legale o quella solare. Sarà introdotto un meccanismo di coordinamento in modo da analizzare le conseguenze sul mercato interno.

È importante sottolineare che questa proposta è il risultato di un’iniziativa cittadina firmata da quasi 5 milioni di cittadini.

L’eurodeputata basca Izaskun Bilbao Barandica, relatrice ombra di questo dossier per il gruppo ALDE, ha dichiarato: “Seguendo questa suddetta tabella di marcia, dobbiamo dimostrare ai 4 milioni 600 mila cittadini che hanno partecipato a questa consultazione pubblica che le istituzioni europee prestano attenzione, che sono vicine, che lavorano in modo serio ed efficace sulle preoccupazioni dei cittadini e che cercano di svolgere il ruolo che gli spetta: quello di informare, di moderare tra posizioni opposte e di cercare di stabilire delle posizioni equilibrate in maniera trasparente. Se in questo modo instauriamo un clima di fiducia e vicinanza, il tempo che abbiamo dedicato a finire questo rapporto sarà d’oro.”

Ha inoltre espresso il suo punto di vista su questo argomento l’eurodeputata tedesca Ulrike Müller, relatrice del gruppo ALDE per la Commissione dell’agricoltura: “Al momento in Europa abbiamo tre fusi orari diversi e studi scientifici dimostrano che il cambio dell’ora annuale ha degli effetti sul ritmo biologico e sulla salute dei cittadini, come anche sugli animali. In particolare, sono le famiglie con bambini piccoli e tra i coltivatori i produttori di latte che conoscono i problemi che risultano dal cambio dell’ora due volte all’anno. In sede del comitato AGRI abbiamo deciso di introdurre l’ora legale a partire dal 2020. Abolendo l’orario solare, però, bisogna tenere conto del seguente: il mercato interno deve continuare a funzionare anche in futuro.”

 

Chi se ne occupa

Temi correlati

IED YDE