Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Industria e Crescita

Industria e Crescita

LA SITUAZIONE

In un contesto segnato da una crisi economica persistente, l’Europa ha visto il suo settore industriale perdere terreno, con una diminuzione della produzione del 10% e la perdita di tre milioni di posti di lavoro, mentre i suoi partner o concorrenti hanno fatto progressi.

Ci sono delle ragioni:

  • Assenza di una dimensione europea:

    L’assenza di una vera politica industriale comune è alla base della deindustrializzazione dell’Europa che non potrà risollevarsi se gli Stati membri continueranno ad applicare 28 politiche industriali diverse

  • Mancanza di grandi gruppi:

    In mancanza di una politica economica sostenuta e coordinata, la «concorrenza» è diventata l’alfa e l’omega della politica dell’UE. Questi fattori precludono la creazione di grandi gruppi in grado competere nei mercati globali.

LE NOSTRE PROPOSTE

L’Europa non ha altra scelta che quella di perseguire due obiettivi al servizio di una stessa ambizione: scegliere una politica industriale proattiva e dare un nuovo impulso all’economia, alla ricerca e all’innovazione.

  • Una politica industriale che favorisca la crescita e l’occupazione:

    La politica industriale deve diventare una competenza condivisa tra l’Unione e gli Stati membri per identificare e coordinare gli sforzi nei settori innovativi e ad alto potenziale.

  • Una concorrenza intelligente:

    Al servizio della crescita, la concorrenza deve stimolare e non ostacolare la creazione di grandi gruppi europei capaci di imporsi nell’economia mondiale, in particolare nei settori dell’economia verde e del digitale.

  • Uno «Small Business Act » europeo:

    L’investimento è il motore della crescita. Un modo semplice ed efficace per farlo è stabilire delle regole a misura delle piccole imprese per agevolare il loro accesso al credito e agli appalti pubblici al fine di facilitare gli investimenti.

  • Una politica ambiziosa di sostegno all’innovazione:

    Finanziati in particolare da «project bonus», i programmi di larga scala devono essere sviluppati intorno a una cooperazione rafforzata dei grandi centri europei di ricerca e dei fiori all’occhiello dell’industria che dispongono di un know-how di lunga data e di primo piano a livello mondiale.

I NOSTRI IMPEGNI

Il PDE difende quotidianamente le sue idee attraverso diverse azioni e fa valere le sue posizioni. Ad esempio:

  • Al Parlamento europeo:

    Marielle de Sarnez, segretario generale del PDE e già deputata europea, ha difeso per anni le nostre idee in Commissione Commercio internazionale.

  • Nel nostro manifesto:

    Noi difendiamo queste proposte da molti anni. Erano già al centro del nostro primo programma nel 2004.

IED YDE