Movimento politico - Congresso PDE a Roma

Riunito in Congresso a Roma il 14 ottobre 2022, il PDE ha adottato la seguente mozione politica.

I - La guerra in Ucraina

Il Partito Democratico Europeo (PDE) ribadisce con la massima fermezza la propria condanna dell'invasione delle truppe russe in Ucraina, in spregio al diritto internazionale, alla Carta delle Nazioni Unite e ai principi fondanti della Conferenza sulla sicurezza e la cooperazione in Europa (CSCE).

Il PDE denuncia la strategia e il comportamento degli invasori nei confronti della popolazione ucraina: distruzione massiccia e deliberata di edifici e abitazioni civili, esecuzioni sommarie di cittadini disarmati, rapimenti e torture, trattamento inumano e degradante soprattutto delle donne e persino rapimento di bambini.

L'EDL ritiene che la mascherata dei cosiddetti referendum sulla richiesta di annessione alla Russia di quattro regioni lungo il confine orientale renda necessaria e urgente l'attuazione di nuove e più incisive sanzioni (finanziarie, economiche, industriali, restrizioni alla libertà di circolazione, congelamento e sequestro dei beni); l'EDL accoglie con favore, a questo proposito, l'ottavo pacchetto di sanzioni adottato dall'Unione europea.

Il PDE è favorevole a un significativo e rapido rafforzamento del sostegno militare dei Paesi europei all'esercito ucraino; l'obiettivo è quello di aiutare le forze ucraine, che al momento sono già all'offensiva, a riconquistare la maggior parte possibile del territorio annesso illegalmente e fraudolentemente dalla Russia di Vladimir Putin, prima che le truppe russe d'invasione vengano rinforzate dai 300.000 uomini reclutati nel quadro dell'operazione di mobilitazione parziale, attualmente in corso.

La PDE sottolinea la necessità di contrastare le manovre della Russia di Vladimir Putin volte a destabilizzare alcuni Stati europei e a dividere gli Stati membri dell'UE per renderli satelliti e distruggere il potere di attrazione dell'Unione. A tal fine, il PDE sostiene la creazione di una Comunità politica europea, lanciata dal Presidente Emmanuel Macron, per rafforzare i legami tra gli Stati membri, gli Stati già impegnati nei negoziati di adesione e gli altri Stati europei, che desiderino o meno candidarsi in futuro. In questo modo, si può creare una Comunità europea delle democrazie, che può cooperare in aree di interesse comune e riorganizzare l'architettura di stabilità e sicurezza continentale. L'EDL si compiace del successo del primo incontro tenutosi a Praga il 6 ottobre.

L'EDL ritiene che uno dei punti da mettere all'ordine del giorno di questa Comunità politica sia la ricerca di un consenso delle democrazie europee e del sostegno internazionale per perseguire gli autori dei crimini di guerra commessi in Ucraina.

II. La nostra lotta per un'Europa sovrana in un panorama politico preoccupante

La situazione politica in Italia

1. L'EDL accoglie con favore i risultati di Italia Viva alle ultime elezioni e la creazione, con Azione, del movimento "Rinnovare l'Italia". Siamo al fianco dei nostri alleati italiani per costruire una vera alternativa all'estrema destra ora al potere e a una sinistra sempre più conservatrice. Le elezioni europee del 2024 saranno l'occasione per aumentare il nostro consenso e la nostra influenza come forza centrale e riformatrice, in Italia e in Europa. Da qui l'importanza di avere un nuovo movimento europeista come Rinnovare l'Italia che difenda la nostra visione di un'Europa più forte, sovrana e democratica.

2. Infatti, da un lato, il Partito Popolare Europeo è sempre più un partner di riserva, utilizzato dagli estremisti per conquistare il potere, come possiamo vedere a Roma e a Stoccolma; dall'altro, la sinistra si sta indebolendo e cerca sempre più alleanze con le forze populiste ed estremiste. L'EDL crede, e lo fa da molti anni, che unendosi contro i populisti e gli euroscettici, le forze centrali europeiste diventeranno sempre più il motore della ripresa europea: questa è la nostra grande sfida in vista delle elezioni europee del 2024.

La situazione politica in Europa

bandiera a stelle blu e gialle su asta
01
L'ascesa degli estremi e dei populisti non è unica in Italia con l'arrivo al governo di Giorgia Meloni, ma è visibile su scala europea. In Svezia, l'estrema destra sta per raggiungere il potere. In Germania, i risultati del partito populista Alternative für Deutschland sono aumentati in diverse elezioni. In Francia, l'estrema destra continua a cambiare nome e leader, mentre smorza la retorica della "Frexit" dopo il ritiro del Regno Unito. Tuttavia, mantiene lo stesso programma estremista: spingere per una Francia ripiegata su se stessa e per la fine dell'UE così come la conosciamo. Anche l'estrema sinistra ha fatto passi avanti, ma sebbene sia vestita in modo diverso, anche lei sottoscrive un'agenda anti-UE.
02
Le PDE rappelle que les dangers d'une majorité absolue obtenue par les extrêmes politiques sont bien connus : ils se croient alors tout permis, oublient l’équilibre des pouvoirs, érodant l'indépendance de la justice, portant atteinte aux droits fondamentaux, comme le droit à l'avortement, et mettant en pièces les valeurs communes de l'Europe (égalité, justice, État de droit, le respect mutuel et l'ouverture aux autres).
03
Per l'EDL, una nazione ripiegata su se stessa è una cattiva notizia per l'Europa e i suoi cittadini. Un'Italia guidata da Giorgia Meloni è una cattiva notizia per l'Europa. Una Svezia più estremista è una cattiva notizia per l'Europa. Una Germania indebolita indebolisce l'Europa. Tuttavia, la vittoria pro-europea in Francia, sancita dalla rielezione di Emmanuel Macron a Presidente, è una vittoria per l'Europa. In effetti, viviamo in un mondo interdipendente e non esistono elezioni puramente nazionali, soprattutto nell'UE. Ogni elezione nazionale nell'Unione ha un impatto su tutte le altre, perché le nostre economie, la nostra vita quotidiana, la nostra prosperità, le nostre democrazie e il nostro futuro come europei sono inestricabilmente legati.

01

Gli eventi recenti - la pandemia, la guerra in Ucraina e la conseguente scarsità di risorse energetiche - hanno dimostrato che l'Unione in quanto tale e soprattutto alcuni Stati membri sono scarsamente attrezzati per affrontare le sfide attuali, perché troppo dipendenti da uno o più fornitori esterni inaffidabili o addirittura ostili.

02

Per la PDE, l'Unione e i suoi Stati membri hanno la responsabilità storica di preparare e attuare piani strategici in grado di garantire progressivamente la sicurezza dell'approvvigionamento nei settori essenziali per la loro azione e il loro sviluppo futuro. Questi settori sono: sicurezza, energia, sicurezza alimentare, salute, tecnologie avanzate, infrastrutture future, tra gli altri.

03

Nel contesto attuale, un piano per la sicurezza dell'approvvigionamento energetico dell'UE e dei suoi Stati membri è una vera priorità. Questo piano dovrebbe, come minimo :

    1. Stabilire obiettivi vincolanti (eventualmente modulati a seconda degli Stati membri) da raggiungere per gradi, al fine di aumentare la quota di energia rinnovabile nel mix energetico complessivo;
    2. Rafforzare la messa in comune e la gestione congiunta delle infrastrutture energetiche in tutta l'Unione. Ciò implica un piano di investimenti comune nell'arco di tre anni per strutturare e completare la rete elettrica europea, da un lato, e per avvicinare i gestori nazionali al fine di ottenere una gestione armonizzata delle operazioni.
    3. Promuovere la ricerca di soluzioni innovative per migliorare l'efficienza energetica;
    4. Come passo immediato, richiedere a tutti gli Stati membri di riempire le riserve strategiche di gas prima di ogni inverno.

04

La nostra lotta per un'Europa sovrana si trova in una situazione politica preoccupante. Senza un vero esercito europeo, gli europei non saranno in grado di difendersi. Le minacce ai confini europei sono in aumento e non possiamo fare affidamento solo sugli Stati Uniti.

La politica estera e di sicurezza europea deve essere ulteriormente rafforzata, sia all'interno dell'UE che tra gli Stati membri. Più sviluppo di strategie, più coordinamento: questi devono essere i nostri obiettivi. L'Europa non può limitarsi a ristabilire la pace e a promuovere la democrazia tra i suoi vicini, ma deve soprattutto diventare più resiliente di fronte a ogni tipo di crisi politica. A tal fine, è necessario dare nuovo impulso alla politica estera comune. È necessario creare maggiore fiducia tra i Paesi europei, in modo che le decisioni comuni non siano ostacolate da interessi di sicurezza nazionali.

05

La PDE sottolinea che, alla luce della continua aggressione russa in Ucraina, la sicurezza alimentare, non solo nell'UE ma anche nei Paesi terzi, e i prezzi dei prodotti alimentari dovrebbero essere una delle principali priorità. La PDE accoglie con favore le misure adottate finora, come la revoca dell'embargo sui porti del Mar Nero, le "corsie verdi", le deroghe alle norme di condizionalità e gli interventi sul mercato, ma sottolinea che sono necessarie ulteriori misure, in particolare per quanto riguarda l'aumento dei prezzi dei fertilizzanti; Il PDE attende con ansia la comunicazione della Commissione europea sui fertilizzanti, che dovrebbe costituire la base della strategia dell'UE in materia di fertilizzanti, e sottolinea che questa dovrebbe includere anche l'abolizione dei dazi antidumping sui fertilizzanti prodotti nei Paesi terzi.

  1.  

Sovranità europea

blue and yellow flag

III. Una nuova fase per il Partito Democratico Europeo

Una nuova corsia centrale

person wearing blue top during daytime

01

Quando è stata fondata nel 2004, l'EDP chiedeva già una "nuova via centrale" nella politica europea. L'EDL era in anticipo sui tempi, così come oggi continuiamo a rifiutare la falsa dicotomia tra partiti tradizionali ed estremi. 18 anni dopo, i Democratici europei sono il pilastro centrale, insieme ai nostri amici liberali, della nuova alleanza centrale "Rinnovare l'Europa".

02

Il nostro gruppo al Parlamento europeo è diventato un attore chiave ed è stato responsabile di progressi molto importanti dal 2019, come la nuova condizionalità per lo Stato di diritto (niente fondi UE a chi non rispetta i valori europei), il Patto verde per l'Europa, il Piano di ripresa, l'introduzione di liste transnazionali e la Conferenza sul futuro dell'Europa, il primo esercizio di partecipazione diretta dei cittadini su scala continentale.

03

L'EDL continuerà a lottare per una democrazia europea rafforzata, veramente transnazionale e sovrana. Porteremo in politica nuove persone e nuove idee, dalla società civile agli imprenditori, dagli studenti agli agricoltori e molti altri. Allargheremo la nostra famiglia politica per promuovere il nostro progetto futuro da Roma a Rotterdam, da Brno a Bilbao, da Lubiana a Larnaca, da Venezia a Vilnius, da Madeira a Monaco e da Strasburgo a Santa Cruz de Tenerife.

E continueremo la nostra unità nella diversità, nel pieno rispetto delle diverse identità e attraverso un ancoraggio sempre più territoriale. Infatti, il nostro movimento, come quello dei nostri partiti membri, è profondamente radicato a livello locale e regionale, e lo abbiamo dimostrato oggi con un vertice dei sindaci democratici a Roma.

04

Oggi l'EDL sta entrando in una nuova fase. Entro le prossime elezioni europee del 2024, il nostro obiettivo è diventare l'unica vera alternativa agli estremi. In ogni Paese e in ogni elezione in cui saremo presenti, abbatteremo, pezzo per pezzo, la diga populista che sta prosciugando l'Europa.

05

L'EDL porterà avanti queste battaglie, si batterà per difendere i valori dell'Unione e sarà il portabandiera delle riforme europee.

È possibile accedere alla versione PDF di questa pagina

Nous n'avons pas pu confirmer votre inscription.
Votre inscription est confirmée.

La newsletter

Inscrivez-vous à notre newsletter pour suivre nos actualités.