Gli eurodeputati dell'EDL ottengono grandi vittorie nelle votazioni in plenaria del Parlamento europeo

La nuova strategia forestale dell'UE per il 2030 è stata adottata questo pomeriggio nella sessione plenaria del Parlamento, con un'importante vittoria della vicepresidente dell'esecutivo ed eurodeputata Ulrike Müller, che ha svolto il ruolo di relatrice del Parlamento per la strategia. Il voto odierno della sessione plenaria del Parlamento europeo è stato di 417 voti a favore, 144 contrari e 67 astensioni per la risoluzione sulla "Strategia forestale rinnovata dell'UE per il 2030 - Gestione sostenibile delle foreste in Europa".

Con l'adozione di questo testo, l'Europa compirà un passo necessario per raggiungere gli obiettivi del Patto verde per il clima. La strategia deve essere sviluppata con i proprietari delle foreste, poiché il Parlamento europeo ritiene che la gestione sostenibile delle foreste dell'UE debba tenere conto delle condizioni locali e delle preoccupazioni e idee dei proprietari delle foreste.

Commentando la sessione, Ulrike Müller ha osservato che le foreste stanno affrontando "più sfide e aspettative che mai, e non solo a causa del cambiamento climatico". Ha aggiunto: "La nuova strategia forestale dell'UE deve garantire la coerenza delle politiche a tutti i livelli per consentire alle foreste e ai silvicoltori di rispondere a queste sfide e aspettative. Per raggiungere questo obiettivo, la strategia deve basarsi sui principi della multifunzionalità, della gestione forestale sostenibile, dei proprietari e dei forestali come pilastri fondamentali dell'attuazione e di un approccio dal basso verso l'alto per riflettere l'unicità di tutte le foreste a livello locale".

Secondo il comunicato stampa del Parlamento europeo, "i deputati ricordano che le foreste sono essenziali per fornire servizi ecosistemici e posti di lavoro nell'UE". Inoltre, "solo una gestione attiva dinamica e sostenibile delle foreste consentirà la loro resilienza e un adattamento efficace ai cambiamenti climatici", sottolinea il testo adottato. Allo stesso tempo, la diversità delle foreste, delle condizioni climatiche, dei modelli di proprietà e delle forme di governance nell'UE richiede che tale gestione sia sviluppata a livello nazionale, regionale e locale, mano nella mano con i proprietari delle foreste, aggiungono i deputati. A questo proposito, secondo il Parlamento europeo, i programmi di sostegno, i sistemi di pagamento volontario per i servizi ecosistemici e i fondi per la ricerca dovrebbero essere messi a disposizione dei piccoli proprietari di foreste.

Una reazione alla Nuova strategia forestale dell'UE per il 2030 del 16 luglio 2021, la strategia della Commissione europea definisce azioni per aumentare la quantità e la qualità delle foreste nell'UE e rafforzarne la protezione, il ripristino e la resilienza.

Adozione di un regolamento sulla deforestazione.

Oltre alla strategia forestale dell'UE, il Parlamento ha votato anche un regolamento sulla deforestazione. Commentando l'adozione di questa norma cruciale, emersa dalla Commissione Ambiente del Parlamento (ENVI), il regolamento è stato concepito per ridurre al minimo il rischio di deforestazione e degrado forestale a livello globale associato ai prodotti immessi sul mercato dell'UE e all'esportazione di prodotti legati alla deforestazione e al degrado forestale dall'UE. A tal fine, impone un obbligo di diligenza agli operatori e ai commercianti lungo tutta la catena di approvvigionamento. La legislazione è importante perché i consumatori europei sono responsabili del 17% della deforestazione tropicale legata a prodotti commercializzati a livello internazionale come carne, olio di palma, soia, caffè e cacao.

Commentando il risultato, l'eurodeputata Catherine Chabaud (Mouvement Démocrate) ha twittato subito dopo il voto: "Più forti insieme (UE). Il nostro voto sulla deforestazione importata dimostra l'impatto positivo che possiamo avere come cittadini europei. Possiamo fare lo stesso per preservare gli oceani e orientare l'UE verso il mare".

Membro/i correlato/i

Caterina<br>Chabaud
Caterina
Chabaud
Membro individuale

Francia

Ulrike<br>Müller
Ulrike
Müller
Vice presidente esecutivo

Germania
Freie Wähler

La famiglia democratica

Il Partito Democratico Europeo garantisce il massimo livello di trasparenza nel perseguimento dei suoi scopi, nonché nella sua organizzazione e nel suo finanziamento.

Le organizzazioni partner sono i Giovani Democratici Europei (YED) e l'Istituto dei Democratici Europei (IED).

Informazioni di contatto

+32 2 213 00 10
Rue Montoyer 25, 1000 Bruxelles, Belgio

Le nostre delegazioni parlamentari

Avviso legale | Privacy |
Con il sostegno finanziario del Parlamento europeo

Nous n'avons pas pu confirmer votre inscription.
La vostra iscrizione è confermata.

La newsletter

Iscrivetevi alla nostra newsletter per seguire le nostre novità.