Future of democracy depends on ability to meet challenges of digital age - Website of the European Democrats
European Democrats Logo

Il futuro della democrazia dipende dalla nostra capacità di affrontare le sfide dell'era digitale

Esperti di scienze politiche, governance, movimenti sociali e tecnologia digitale si sono incontrati il 26 ottobre 2022 a Bilbao per discutere del futuro della democrazia nella nuova era digitale, in un incontro organizzato dal Partito Democratico Europeo (EDP).

L'evento, tenutosi presso la Fundazioa Sabino Arana, ha avuto come tema "La difesa della democrazia nella società digitale". L'evento si è aperto con il discorso di benvenuto del Vicepresidente esecutivo del PDE, Andoni Ortuzar, che è il Presidente dell'Euzkadi Buru Batzar dell'EAJ-PNV - un partito membro del PDE nei Paesi Baschi. Ortuzar ha citato dati allarmanti che mostrano come i regimi dittatoriali siano in aumento e abbiano già autorità sul 70% della popolazione mondiale. I dati di un rapporto del 2022 dell'Università di Göteborg mostrano che le democrazie liberali sono al punto più basso degli ultimi 25 anni, con solo 34 Paesi pienamente democratici, ovvero appena il 13% della popolazione mondiale.

Il leader di Jeltzale (PNV) Andoni Ortuzar ha spiegato che la società occidentale sta vivendo grandi cambiamenti sociali che generano perplessità e disagio in molte persone. "Sentono questi cambiamenti come una perdita di controllo sulle loro vite e sui loro bisogni, e a cui i partiti e le istituzioni tradizionali presumibilmente non danno risposte adeguate" negli ultimi anni".

Il leader di Jeltzale (PNV) Andoni Ortuzar ha spiegato che la società occidentale sta vivendo grandi cambiamenti sociali che generano perplessità e disagio in molte persone. "Sentono questi cambiamenti come una perdita di controllo sulle loro vite e sui loro bisogni, e a cui i partiti e le istituzioni tradizionali presumibilmente non danno risposte adeguate" negli ultimi anni".

Per invertire questa tendenza, nel suo discorso ha chiesto un rafforzamento della democrazia, aggiungendo: "Dobbiamo sforzarci di costruire società aperte, eque e inclusive, dove ogni cittadino, con pari condizioni e opportunità, sia protagonista del futuro collettivo". È essenziale, sulla base di un umanesimo inclusivo, promuovere e coltivare un senso di comunità, non di individualismo egoistico. Dobbiamo anche promuovere e coltivare la coesione sociale, la cooperazione e combattere le disuguaglianze e tutte le forme di discriminazione.

"Questa lotta per la democrazia deve essere condotta da tutte le istituzioni", ha aggiunto. "Dal locale al multilaterale, ognuno ha la sua funzione, ma è fondamentale rafforzare il sistema delle istituzioni multilaterali.

Mireia Zarate: Erosione della fiducia nella democrazia e nei partiti tradizionali

Mireia Zarate, presidente della Fundazioa Sabino Arana, ha ripreso le parole di Ortuzar, affermando nel suo discorso di apertura che l'affluenza e i risultati elettorali in Europa rivelano un'erosione della fiducia nel potere del sistema democratico di "trasformare la realtà". Ha aggiunto che è venuto meno il sostegno ai partiti e alle istituzioni tradizionali che hanno convissuto per molti decenni.

Prendendo spunto da un sondaggio pubblicato nel Regno Unito, Mireia Zarate ha sottolineato che i giovani sono i più scettici sull'efficacia della democrazia, citando la loro "frustrazione nei confronti del sistema perché li porta ad avere prospettive economiche incerte e a dipendere dalla famiglia".

Mireia Zarate ha sottolineato che "il mondo digitale in cui i giovani crescono e si sviluppano non contribuisce a costruire la fiducia nella democrazia, ma ha anche un incredibile potere informativo, educativo e comunicativo, a cui non possiamo permetterci di rinunciare, e che ha trasformato le nostre vite aprendo molte finestre di opportunità".Mireia Zarate betonte, dass "die digitale Welt, in der junge Menschen aufwachsen und sich entwickeln, zwar nicht dazu beiträgt, das Vertrauen in die Demokratie zu stärken, dass sie aber auch eine unglaubliche informative, erzieherische und kommunikative Kraft besitzt, auf die wir nicht verzichten können und die unser Leben verändert hat, indem sie viele Fenster der Möglichkeiten geöffnet hat."

Sandro Gozi della PDE, presidente di Renew Europe Séjourné  

Alla sessione mattutina sono intervenuti anche il Segretario generale della PDE Sandro Gozi e il Presidente di Renew Europe Stéphane Séjourné. Insieme a Sylvain Waserman, ex vicepresidente dell'Assemblea nazionale francese, i tre uomini hanno sottolineato che i partiti come il loro - progressisti, impegnati nei valori democratici e umanitari - devono essere in prima linea nella politica per affrontare le sfide democratiche. Altrimenti, la gestione dei rapporti con i cittadini ne sarà priva - il peggior risultato possibile per la democrazia.
Sandro Gozi ha osservato che l'immediatezza a cui i cittadini si sono abituati è in conflitto con il funzionamento "lento" della democrazia. Un'altra sfida importante è quella di rendere più efficienti i processi decisionali. Facendo eco ai commenti di Sandro Gozi, Stéphane Séjourné ha affermato che la democrazia di oggi è diversa da quella di ieri in termini di relazioni reciproche. Ha osservato: "La situazione sta cambiando, quindi anche il modo di fare politica deve cambiare.

La moderatrice dell'evento, Irune Zuluaga, deputata e presidente di Eurobasque, ha accolto sul palco esperti di politica e comunicazione per le loro osservazioni. Daniel Innerarity, professore di filosofia politica e direttore dell'Istituto per la Governance Democratica e docente presso l'Istituto Universitario Europeo di Firenze, ha esortato i politici presenti all'evento PDE a "esercitarsi in politica ma anche nella vita: il politico di successo è quello che individua bene il problema".

Riferendosi ad altri oratori, ha aggiunto: "La polarizzazione è un fenomeno complesso, e può anche essere percepita come una polarizzazione maggiore di quella che è in realtà. La polarizzazione politica non implica la polarizzazione sociale. 

Carmen Beatriz Fernández, docteure et présidente de DataStrategia Consultores, a expliqué dans son discours qu’en Amérique latine, la demande s’est accrue pour un leader fort sans avoir à répondre aux élections et aux parlements. Phénomène populiste, ce populisme présente une opportunité pour la communication politique. »

Carmen Beatriz Fernández, docteure et présidente de DataStrategia Consultores, a expliqué dans son discours qu’en Amérique latine, la demande s’est accrue pour un leader fort sans avoir à répondre aux élections et aux parlements. Phénomène populiste, ce populisme présente une opportunité pour la communication politique. »

Iker Merodio, giornalista specializzato in ambienti digitali, ha offerto alcune riflessioni finali che riassumono gli interventi dei partecipanti all'evento di un giorno. Ha concluso che i partecipanti sono rimasti concentrati sul tema, che la maggior parte delle forze estremiste sta riducendo lo spazio disponibile per i partiti centristi e moderati. Rafa Suso, consulente in strategia, comunicazione e branding, ha sottolineato che la geografia è stata resa inutile dalla tecnologia, che mette in discussione anche lo Stato-nazione, legato a questa geografia.
Mireia Zarate ha fatto un appello diretto ai giovani, che sono sempre più scettici e mostrano una disaffezione che deriva da un'insoddisfazione: non vedono un futuro stabile.

Politica

Per quanto riguarda la politica, Carmen Beatriz Fernandez ha sottolineato l'emergere nel 2017 della "cyberpolitica", che ha portato al "cyberpessimismo" e alla perdita di fiducia. Questo ha portato all'ascesa del populismo. Tuttavia, la relazione potrebbe essere più casuale che causale: maggiore è la presenza di cyber-politica, maggiore è la qualità della democrazia. E può essere un'opportunità se promuove il buon giornalismo, aumenta la fiducia e genera relazioni sane. Tutto questo disabiliterebbe il populismo.

Nel suo intervento, Daniel Innerarity ha ricordato al pubblico che, grazie alla raccolta di dati che la tecnologia oggi consente, chi detiene il potere può registrare ciò che vogliamo davvero - non ciò che pensiamo di volere - e consegnarcelo. Ed è facile pensare che questo sia un bene e che possa addirittura sostituire un modello di partito ideologizzato. L'aspetto più politico del processo politico è la determinazione dell'obiettivo: per cosa useremo tutta questa tecnologia?

Governance: gestione delle relazioni con i cittadini

Sulla governance, Andoni Ortuzar ha ricordato che i cittadini devono sentirsi protagonisti del futuro collettivo. È importante rafforzare il senso di comunità. Questo rafforzerà le istituzioni e indebolirà il populismo. Nella stessa ottica, Sylvain Waserman ha parlato di Citizen Relationship Management, ovvero di relazioni sociali con le istituzioni. A questo nuovo rapporto, ha accennato anche a un rischio: le sfide della "democrazia digitale" possono minare la democrazia stessa. Esiste un'opportunità per il coinvolgimento dei cittadini: la capacità di reclamo dei cittadini deve essere gestita dalle parti più impegnate nella visione umanista, in modo che questo tipo di rapporto non sia gestito da altri tipi di parti.

Media: reti digitali contro notizie tradizionali

Esperti di media e giornalisti hanno discusso di giornalismo politico in uno spazio digitale. Rafa Suso ha chiarito che non stiamo realizzando in modo adeguato la necessaria trasformazione digitale perché una parte significativa degli attori che devono realizzarla è in crisi. Miquel Urmeneta, giornalista, professore universitario e consulente di comunicazione, ha sottolineato che la comunicazione audiovisiva continua a dominare l'era digitale. Le élite sono ancora quelle che erano - e sono - al di fuori di questa sfera digitale, anche se con alcune eccezioni.

La tensione tra media e nuovi media può essere risolta, ha detto Daniel Innerarity, combinando la natura orizzontale dei social network e la struttura verticale dei media tradizionali, che offrono un'analisi necessaria che può essere offerta solo dai media al pubblico, senza conversazione. Rafa Suso ha risposto dicendo che i media hanno ancora spazio per l'analisi. Ci ha anche avvertito che il pubblico sta abbandonando i media che non riescono a tenere il passo.

Sandro Gozi ha chiuso l'ultima sessione ricordando che i media, vecchi e nuovi, presentano dei rischi, ma non sono gli unici. L'estrema destra finanzia partiti che influenzano direttamente i processi democratici. L'evento si è concluso con una citazione di Tom Wheeler, consigliere dell'amministrazione del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, che ha fatto riflettere i partecipanti: "Le reti che ampliano la partecipazione dei cittadini minano anche la sovranità dello Stato. Le stesse reti che creano opportunità economiche, migliorano la qualità della vita ed espandono la partecipazione politica forniscono anche gli strumenti organizzativi e gestionali per gli attacchi violenti alla stabilità nazionale. 

Membro/i correlato/i

Sandro<br>Gozi
Sandro
Gozi
Segretario Generale

Francia

Andoni<br>Ortuzar
Andoni
Ortuzar
Vice-Président exécutif

Pays basque
EAJ-PNV

Andrzej <br>Potocki
Andrzej
Potocki
Vicepresidente

Polonia
SD

Notizie correlate

Website of the European Democrats - https://democrats.eu

Teodolinda 2024

On 11 May, the Teodolinda 2024 will take place in Abbiategrasso (MI), a wonderful opportunity to do Politics, to talk about Europe, Italy and Lombardy.

Per saperne di più "

Tema correlato

Image link

Un'Europa democratica

La famiglia democratica

Image link

Il Partito Democratico Europeo garantisce il massimo livello di trasparenza nel perseguimento dei suoi scopi, nonché nella sua organizzazione e nel suo finanziamento.

Le organizzazioni partner sono i Giovani Democratici Europei (YED) e l'Istituto dei Democratici Europei (IED).

Informazioni di contatto

+32 2 213 00 10
Rue Montoyer 25, 1000 Bruxelles, Belgio

Le nostre delegazioni parlamentari

Avviso legale | Privacy |
Con il sostegno finanziario del Parlamento europeo

Nous n'avons pas pu confirmer votre inscription.
La vostra iscrizione è confermata.

La newsletter

Iscrivetevi alla nostra newsletter per seguire le nostre novità.