European strategic sovereignty is more necessary than ever - Website of the European Democrats
European Democrats Logo

Ora più che mai è necessaria la sovranità strategica europea

Pensavamo di essercene liberati. Avevamo perso di vista il fatto che la guerra non è un vecchio trucco sepolto per sempre nel baule del passato.

In effetti, negli ultimi 70 anni abbiamo pensato di vivere senza nemici né confini. Peggio ancora, la guerra in Jugoslavia, per quanto dura e violenta, è stata considerata dalla maggior parte degli europei come una parentesi alle porte della nostra Comunità. Ho visto e vissuto i disastri di quella guerra e la tragedia di Sarajevo, ma anche questi orrori non hanno realmente scosso l'opinione pubblica europea.Così, dal 1945, eravamo diventati i figli viziati della pace. Galleggiavamo in un'epoca di eterna insensibilità... fino al 24 febbraio, quando la tragedia è tornata nel nostro continente.

Al momento di questo sinistro anniversario, non si tratta di intraprendere un'analisi girardiana per spiegare la rabbia mimetica degli uomini che li spinge a desiderare e odiare l'individuo o il Paese accanto. Non è questo il momento di decifrare, ma ci costringe ad andare oltre noi stessi.È chiaro che questa invasione russa dell'Ucraina è senza dubbio la leva più potente in termini di unione e integrazione. Zelensky, di fronte all'indicibile, è riuscito a risvegliare un'eccezionale unità nazionale e ad ancorarsi ancora più saldamente ai valori europei.

Da questo conflitto, attraverso la paura, la nostra solidarietà europea si è rafforzata di fronte all'invasore. “La guerra è la continuazione della politica con altri mezzi", diceva Carl Von Clausewitz.Oggi, credo che possiamo aggiungere alle parole del teorico militare "e viceversa". Infatti, la politica non è forse la continuazione della guerra? Io credo di sì. Seguiamo quindi le orme dei Padri fondatori che, dopo la guerra, hanno pensato all'Europa. Abbiamo il coraggio di pensare all'Europa di domani con questo stesso software. È giunto il momento di superare il meccanismo emotivo e di conciliare l'idea di Europa con quella di potere. Potere al quale l'Ucraina e altri Paesi sognano di essere legati. Ma dobbiamo essere realisti: per accoglierli adeguatamente, dobbiamo rivedere i nostri trattati, che sono stati concepiti nel secolo scorso per un'Europa a 6, non per un'Europa a 27, 30 o 35 Paesi.Questo conflitto ci impone una revisione profonda della nostra organizzazione politica e istituzionale.

L'Unione europea non può più soffrire dei limiti imposti dalla sua struttura istituzionale, dalla sua imperfetta distribuzione delle competenze e dal suo processo decisionale, inadatto alla costruzione di un'Unione veramente politica e federale. Dobbiamo superare il falso dibattito tra sovranità nazionale ed europea. Occorre la volontà di avanzare, uniti, in un passo da gigante verso una politica di difesa comune.

La "sovranità strategica europea" è più che necessaria. Tutti devono capire che senza un'Europa sovrana, con una reale capacità di azione, rischiamo di perdere l'Europa, ma anche gli Stati. Dal 24 febbraio 2022, il continente europeo ha annientato tutte le sue certezze e le sue illusioni sul non ripetersi degli orrori del XX secolo. La pace non è perpetua, né dovrebbe esserlo la guerra. La storia ci invita a un nuovo momento costituente. Ascoltiamola.

Membro/i correlato/i

Sandro<br>Gozi
Sandro
Gozi
Segretario Generale

Francia

Notizie correlate

Website of the European Democrats - https://democrats.eu

Teodolinda 2024

On 11 May, the Teodolinda 2024 will take place in Abbiategrasso (MI), a wonderful opportunity to do Politics, to talk about Europe, Italy and Lombardy.

Per saperne di più "

Tema correlato

Image link

Un'Europa democratica

La famiglia democratica

Image link

Il Partito Democratico Europeo garantisce il massimo livello di trasparenza nel perseguimento dei suoi scopi, nonché nella sua organizzazione e nel suo finanziamento.

Le organizzazioni partner sono i Giovani Democratici Europei (YED) e l'Istituto dei Democratici Europei (IED).

Informazioni di contatto

+32 2 213 00 10
Rue Montoyer 25, 1000 Bruxelles, Belgio

Le nostre delegazioni parlamentari

Avviso legale | Privacy |
Con il sostegno finanziario del Parlamento europeo

Nous n'avons pas pu confirmer votre inscription.
La vostra iscrizione è confermata.

La newsletter

Iscrivetevi alla nostra newsletter per seguire le nostre novità.