European Democratic Party Congress in Rome - Renewing Europe: A democratic path - Website of the European Democrats
European Democrats Logo

Congresso del Partito Democratico Europeo a Roma - Rinnovare l'Europa: una via democratica

Il 14 ottobre i leader politici di tutta Europa si sono riuniti a Roma per il Congresso dell'EDL. Il più grande evento politico dell'anno per il partito politico europeo, il congresso ha riunito centinaia di delegati e ospiti provenienti da tutta Europa per affrontare le sfide urgenti che i cittadini europei devono affrontare.

L'evento, che si è svolto presso l'Auditorium della Conciliazione nel centro di Roma, è stato caratterizzato da un "dibattito dei leader", seguito da discussioni tra i responsabili politici dell'EDL a livello europeo, nazionale e regionale, nonché da ospiti in rappresentanza di altri partiti politici europei affini.

Dibattito dei leader: uno scambio tra alti funzionari del partito

Il Dibattito dei Leader ha riunito i principali leader dei partiti politici centristi europei per discutere il tema: "Rinnovare l'Europa: una via democratica"“Renewing Europe: A democratic path”.

Sintesi del dibattito dei leader della PDE

Sandro Gozi, Segretario generale del PDE, ha avviato il dibattito osservando che l'alleanza Azione/Italia Viva è stata la vera rivelazione delle ultime elezioni in Italia. E ha osservato: "Dobbiamo loro le nostre congratulazioni e la nostra gratitudine per il loro impegno a creare un'Italia rinnovata, che - ne sono convinto - nel 2024 raddoppierà il risultato ottenuto quest'anno".

L'Italia è al centro dell'Europa, ha dichiarato Stéphane Séjourné, presidente del gruppo politico Renew Europe al Parlamento europeo. Secondo lui, il Paese avrà un ruolo importante nelle prossime elezioni del 2024. Ha inoltre sottolineato la necessità di "costruire un'Europa politica, con partiti locali che aiutino a contrastare le forze estreme".

"L'Europa è minacciata", ha avvertito Timmy Dooley, co-presidente del partito ALDE. Ha sottolineato che la democrazia è vulnerabile e che è necessario apportare cambiamenti per proteggere l'Europa.

Carlo Calenda, leader del partito Azione in Italia, ha osservato che "quando i populisti arrivano al governo, iniziano a usare un linguaggio diverso, che però nasconde un'identità non pienamente democratica e incompatibile con i valori dell'UE. Per questo, ci impegneremo con l'EDP per la creazione di un guardiano della democrazia che fermi questa ondata di populismo".

Sull'alleanza tra EDL e Renew Europe, il leader del partito Italia Viva Matteo Renzi ha osservato: "Stiamo gettando le basi con EDL e Renew Europe. La missione del PDE è rilanciare la democrazia".

Il presidente del PDE François Bayrou ha fornito una risposta articolata ai leader, affermando che "tutti i cittadini sono responsabili del loro Paese" e che il massimo confronto con gli estremi si sta rivelando infruttuoso.

"L'EDL è al centro della vita politica europea perché possa trovare il suo futuro e la sua strada.

Le tavole rotonde affrontano diversi temi

Le tavole rotonde del pomeriggio hanno affrontato questioni urgenti per gli europei, tra cui la necessità di colmare il divario digitale per rendere la transizione tecnologica europea più inclusiva. Un altro dibattito ha esaminato la necessità di affrontare la crisi energetica in Europa, mostrando al contempo sostegno all'Ucraina. La tavola rotonda finale ha analizzato l'Europa come potenza globale, in lotta per i diritti umani e i valori democratici.

Tavola rotonda 1: Il divario digitale

La prima tavola rotonda, intitolata "Colmare il divario digitale: rendere più inclusiva la transizione tecnologica dell'Europa", ha riunito membri dei parlamenti europei, nazionali e regionali. Il dibattito è iniziato con un'analisi approfondita dei problemi che le persone devono affrontare in un mondo digitale con il moderatore Gerrit Jan van Otterloo del partito 50PLUS nei Paesi Bassi.

Gerrit van Otterloo ha esaminato le differenze demografiche nelle competenze digitali, dimostrando che più la generazione è anziana, meno è evidente che abbia acquisito queste competenze.

Ha dichiarato: "I livelli di istruzione più bassi sono correlati a minori competenze digitali".

All'incontro hanno partecipato anche i membri della Presidenza della PDE e gli eurodeputati, con Sylvie Brunet (Francia) e Izaskun Bilbao Barandica (Paesi Baschi) che hanno fornito una panoramica della politica europea. L'eurodeputata Sylvie Brunet ha spiegato che la sfida delle competenze digitali deve essere affrontata a livello dell'UE, degli Stati membri e locale. Ha aggiunto: "L'accesso e l'alfabetizzazione digitale sono stati affrontati nella legislazione dell'UE".

L'europarlamentare Izaskun Bilbao Barandica ha sottolineato la necessità di lavorare per colmare il divario digitale a livello regionale. Questo può aiutare gli agricoltori, i pescatori e la medicina a distanza in mare o in campagna. Ha insistito: "Utilizziamo le nostre conoscenze al meglio. Non lasciamo indietro nessuno".

Izaskun Bilbao Barandica ha individuato la necessità che le persone sviluppino una consapevolezza critica per identificare i rischi presentati dalla tecnologia digitale, come l'intelligenza artificiale. La società e i responsabili politici devono chiedersi se l'accesso al digitale e l'alfabetizzazione digitale siano diritti umani fondamentali.

Ha detto: "Abbiamo bisogno di una definizione chiara del termine 'digital divide'", ha aggiunto Izaskun Bilbao Barandica: "L'alfabetizzazione funzionale - saper leggere e scrivere - è un fattore chiave per l'alfabetizzazione digitale delle persone.

Narvay Quintero, deputato al Parlamento delle Isole Canarie di Coalicion Canaria, un partito membro del PDE, ha tenuto una presentazione incentrata sulla tecnologia e orientata alla realtà regionale. Ha sottolineato la necessità di una formazione continua e permanente, aggiungendo che alcune persone non hanno avuto accesso alla tecnologia quando erano giovani.

"Non possiamo escluderli dai servizi", ha concluso. "Dobbiamo formare le persone affinché sappiano come accedere e canalizzare le informazioni migliori. Gli abitanti delle città istruiti hanno accesso agli strumenti digitali e li usano. Le persone nelle aree rurali hanno meno accesso".

A questo proposito, ha aggiunto: "Le famiglie a volte non hanno accesso agli strumenti digitali. Ma avere accesso è importante in luoghi come le Isole Canarie: la digitalizzazione avvicina all'Europa".

<Linas Kukuraitis, membro del Seimas (il Parlamento lituano) ed ex ministro degli Affari sociali, ha condiviso le sue esperienze sulla digitalizzazione attraverso il prisma lituano. Ha parlato di un programma specifico nel Paese baltico, che ha raggiunto il 10% della popolazione grazie agli sforzi del governo e delle parti interessate: ONG che si occupano di anziani, 60 comuni, l'agenzia nazionale per l'occupazione, scout, giovani leader, ecc. Ha anche menzionato il fatto che le persone hanno a che fare con relazioni sia fisiche che digitali, vale a dire che le persone stanno nel mondo digitale e in quello faccia a faccia.

E ha aggiunto: "I governi devono fare tutto il possibile, attraverso i giovani, per insegnare agli anziani le competenze digitali".

Tavola rotonda 2: La crisi energetica

La deuxième table ronde du Congrès, intitulée “Chaud et froid : calmer la crise énergétique de l’Europe tout en soutenant l’Ukraine”, a donné lieu à un débat animé sur la manière dont l’Europe peut empêcher qu’un tel événement se reproduise.

Il moderatore Nicola Danti, eurodeputato (Italia), che ha recentemente contribuito agli sforzi che hanno portato all'approvazione da parte del Parlamento, a settembre, della rifusione della Direttiva sull'Efficienza Energetica (EED), ha fornito uno sguardo approfondito sulla crisi e su come i recenti sforzi del Parlamento europeo possano contribuire a soddisfare la necessità di maggiori fonti di energia rinnovabile.

He observed: “The best energy savings is the energy you don’t use. Europe must remove its energy dependency problem.”

Christophe Grudler, membro del Parlamento europeo (Francia) e relatore ombra per la Direttiva europea sulle energie rinnovabili (RED), ha espresso la sua opinione sulla politica energetica dell'UE.

Dopo aver contribuito alla rifusione della RED a settembre, in occasione della sessione plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo, Grudler ha dichiarato: "Dobbiamo assolutamente tenere conto della lezione della crisi. Dobbiamo essere indipendenti dal punto di vista energetico. Dobbiamo sviluppare le nostre fonti energetiche in Europa. Eliminare la dipendenza dalla Russia e persino dal gas di scisto proveniente dagli Stati Uniti".

Riguardo a forme specifiche di fonti energetiche, ha commentato: "L'energia geotermica è molto interessante. L'idrogeno è stato finanziato in Europa e prodotto in Europa".

Marie-Christine Marghem, membro del Parlamento federale belga, ex ministro dell'energia e presidente di MCC (BE), ha sottolineato che la produzione di energia a breve, medio e lungo termine è necessaria ora. Ha spiegato che alcune forme di energia sono più flessibili di altre.

Ha dichiarato: "Abbiamo bisogno di un aumento della produzione nucleare, incrementando al contempo le fonti rinnovabili".

Marie-Christine Marghem, membro del PDE, ha aggiunto: "Dobbiamo aumentare la produzione nucleare sviluppando al contempo le energie rinnovabili. Dobbiamo dissipare le paure dell'opinione pubblica. I prezzi del gas devono scendere. La solidarietà tra piccoli e grandi Paesi sarà importante".

Ha aggiunto: "A lungo termine, dobbiamo promuovere la ricerca e lo sviluppo.

Michał Kobosko di Polska 2050 (PL) ha condiviso le lezioni della Polonia, dove il Paese è passato da una forte dipendenza dalla Russia a nessuna.

Ha spiegato: "In Europa dobbiamo eliminare la nostra dipendenza, il che richiede una riflessione chiara sui tipi di fonti energetiche e sulle tecnologie necessarie. Per ora, si tratta di un futuro comune e della nostra sicurezza comune".

Sulla guerra in Ucraina, Michał Kobosko ha commentato: "La guerra è una questione di libertà. Le battaglie sono intense. Ogni Paese ha un mix energetico diverso. La vera sfida è unire le nostre forze e pensare a future forniture congiunte, acquisti congiunti di gas, reti e connettori comuni".

Per quanto riguarda l'ondata di progressi tecnologici ostacolati dalla crisi energetica, ha concluso: "Non ci sarà digitalizzazione senza un approvvigionamento energetico sicuro e abbondante".

Lukáš Kostínek, vicepresidente di Senator21 (Repubblica Ceca), un partito membro della EDL, ha esordito con un messaggio forte: "Quando c'è una crisi energetica, può portare all'estremismo.

Il a souligné la nécessité d’une plus grande sensibilisation du public au défi énergétique : “La perception du public et la communication sont importantes, les gouvernements doivent également prendre des mesures immédiates, suivies de mesures à long terme.”

Lukáš Kostínek ha offerto una valutazione sobria del Presidente russo Vladimir Putin, criticandolo per aver scatenato una guerra contro gli Stati membri dell'UE e altri Paesi. "I partiti di estrema destra e di estrema sinistra sono al soldo del Cremlino", ha avvertito. "Possono influenzare il dibattito pubblico in Occidente. Questo minerebbe la sicurezza energetica e i valori democratici".

Ha anche fornito una visione realistica della crisi energetica: "Non ci sono misure immediate per eliminare la dipendenza dell'UE dall'energia russa. I governi devono fornire sussidi per aiutare le famiglie a pagare le bollette energetiche.

"Azione immediata: Lo scambio di energia nell'Unione Europea non funziona. Il gas liquefatto non può essere ottenuto a causa della costruzione delle infrastrutture necessarie".

Tuttavia, Lukáš Kostínek ha proposto soluzioni che funzionano: "I fondi UE stanno aiutando la Polonia e la Repubblica Ceca ad affrontare i cambiamenti necessari per creare nuove infrastrutture energetiche.

Per quanto riguarda le relazioni con gli Stati del Medio Oriente, ritiene che non vadano incoraggiate: "Non incoraggiatele, ma in questo momento abbiamo bisogno delle loro risorse per almeno qualche anno".

Tavola rotonda 3: L'Europa come potenza globale: lotta per i diritti umani e i valori democratici

L'ultimo panel è stato aperto da Pavlos Mylonas, deputato e giornalista cipriota, che ha esaminato criticamente l'approccio dell'UE ai diritti umani, osservando che l'Europa si limita a guardare il resto del mondo senza essere in grado di agire.

Ha detto: "L'attacco all'Ucraina ci ha fatto pensare ai regimi autocratici. I diritti umani non sono solo un concetto: accesso alla salute, all'istruzione per i loro figli".

Ha inoltre fatto appello alla PDE, ricordando il suo dovere di "garantire che questi diritti siano rispettati e applicati in Europa".

Andrzej Potocki, vicepresidente dell'EDL del partito SD (Polonia), ha fornito una visione globale della situazione in cui versa l'Europa.

"Siamo di fronte a molteplici minacce: una potenza autoritaria risorgente in Cina, un Medio Oriente instabile, l'incertezza negli Stati Uniti. L'Europa deve essere 'gigante' per affrontarle".

Ha esplorato come l'Europa possa diventare una superpotenza, osservando che "dobbiamo garantire all'Europa la capacità di esercitare il potere. Deve esercitare i servizi diplomatici, che sono carenti. Il Servizio europeo per l'azione esterna è solo l'inizio".

E ha aggiunto: "L'Europa non ha leader che non siano in grado di rispondere efficacemente all'Ucraina. Dobbiamo imparare dai nostri errori. Dobbiamo iniziare a pensare alla Cina, al Medio Oriente e alla Russia: chi non gioca con le stesse regole".

<Jean-Louis Bourlanges, presidente della commissione affari esteri dell'Assemblea nazionale francese, ha osservato: "La questione della sussidiarietà è una questione di responsabilità condivisa quando si tratta di questioni come i diritti umani e i valori democratici".

"Dobbiamo essere vigili per garantire che le materie prime non scarseggino e non vengano utilizzate da potenze straniere contro di noi".

Juan Carlos Piñeiro Docampo, leader di Compromiso por Galicia, un partito del PDE, ha esortato i partecipanti a valutare la situazione in Europa e ad esaminare i diritti umani minacciati dai regimi estremi.

Ha concluso: "Dobbiamo rispondere a questa situazione da una chiara posizione democratica sui diritti umani e sulla risoluzione.

"In Galizia, il settore tessile è stato devastato dalla globalizzazione: è stato trasferito in Cina. Ora stiamo cercando di riportare il tessile in Europa. Il commercio e i diritti umani sono importanti".

Per quanto riguarda Russia e Cina, l'eurodeputato del PDE Engin Eroglu (Germania) ha assunto una posizione piuttosto bellicosa, osservando che il regime russo ha deciso di sconvolgere totalmente l'ordine mondiale, mentre ha osservato che l'Occidente non ha iniziato.

E ha aggiunto: "Ci concentriamo sulla Russia; siamo piuttosto stanchi. Ma in Cina c'è una dittatura che esercita molto più potere".

Engin Eroglu ha spiegato che l'Europa sta lottando per proteggere il nostro sistema democratico. Facendo eco a Juan Carlos Piñeiro Docampo, Engin Eroglu ha chiesto che gli interessi commerciali tengano conto anche dei diritti umani.

Il a également exprimé la nécessité de se pencher sur les chaînes d’approvisionnement, en disant : “En Chine, il suffit de très peu de choses pour être arrêté. Nous devons tenir compte de ce fait. Il est clair que nous avons besoin d’une loi sur les chaînes d’approvisionnement qui définisse également les droits humains.”

A livello europeo, ha concluso: "È molto importante cercare una riforma all'interno dell'Europa. A livello politico, abbiamo bisogno di una legge sulle catene di approvvigionamento che definisca i diritti umani".

Membro/i correlato/i

Andrzej <br>Potocki
Andrzej
Potocki
Vicepresidente

Polonia
SD

Christophe <br>Grudler
Christophe
Grudler
.

Francia
MoDem

Engin<br>Eroglu
Engin
Eroglu
Vice presidente esecutivo

Germania
Freie Wähler

François<br>Bayrou
François
Bayrou
Presidente

Francia
MoDem

Izaskun<br>Bilbao Barandica
Izaskun
Bilbao Barandica
Membro della Presidenza

Paesi Baschi
EAJ-PNV

Maria Cristina<br>Marghem
Maria Cristina
Marghem
Membro individuale

Belgio

Nicola<br>Danti
Nicola
Danti
Vicepresidente

Italia
Italia Viva

Sandro<br>Gozi
Sandro
Gozi
Segretario Generale

Francia
MoDem

Sylvie<br>Brunet
Sylvie
Brunet
Membro della Presidenza

Francia
MoDem

Tema correlato

Image link

Un'Europa democratica

La famiglia democratica

Image link

Il Partito Democratico Europeo garantisce il massimo livello di trasparenza nel perseguimento dei suoi scopi, nonché nella sua organizzazione e nel suo finanziamento.

Le organizzazioni partner sono i Giovani Democratici Europei (YED) e l'Istituto dei Democratici Europei (IED).

Informazioni di contatto

+32 2 213 00 10
Rue Montoyer 25, 1000 Bruxelles, Belgio

Le nostre delegazioni parlamentari

Avviso legale | Privacy |
Con il sostegno finanziario del Parlamento europeo

Nous n'avons pas pu confirmer votre inscription.
La vostra iscrizione è confermata.

La newsletter

Iscrivetevi alla nostra newsletter per seguire le nostre novità.